Main content

Salvo Fundarotto - Scrittori siciliani

Segnalo una interessante mostra fotografica delle opere di Salvo Fundarotto a Palazzo Ziino - via Dante 53, Palermo. La mostra visitabile dal 21/03/2014 al 18/04/2014 è a cura di Lia Vicari e rappresenta uno degli ultimi lavori di Fundarotto con materiale fotografico, interviste e video.

A settembre 2011 Salvo Fundarotto è scomparso, dopo una lunga malattia. Anche in questo campo ha dato filo da torcere. In effetti era alla sua terza esperienza e parlava del centro, dei medici e e delle infermiere a cui faceva dispetti, documentando tutto con la sua macchina fotografica preferita. Fotoreporter fino in fondo e d'altra parte è stato uno dei più impegnati e creativi fotoreporter di Palermo. Musicista e compositore all'inizio, aveva partecipato a vari programmi con Renzo Arbore durante gli anni '70, e solo in seguito fotografo.

Dopo reportages in Messico ha collaborato prima con l'agenzia Young & Rubicon, in Spagna e Francia, poi con Grazia Neri. Fundarotto ha interpretato il lavoro di fotoreporter come una ricerca nella quale si mescolano impegno civile, espressività poetica e creatività.

Appunti di viaggio - Workshop fotografico gratuito powered by Sony

"Appunti di viaggio" è un progetto di formazione e cultura fotografica realizzato da FotoUp WJ Witness Journal in collaborazione con Sony, sponsor tecnico dell'iniziativa. Si tratta di un cliclo di incontri condotti da Amedeo Francesco Novelli che hanno per tema il reportage e lo storytelling, con particolare riferimento alla fotografia di viaggio.

La prima tappa è a Bari, presso il punto vendita di Fiorito e Figli (in via postiglione, 20) dove, prenotandosi su http://www.fotoupontour.it/, sarà possibile partecipare a uno dei tre corsi giornalieri (da tre ore ciascuno) che si terranno sabato 15 e domenica 16 febbraio prossimi.

Read more...

Paola Tegner Fotografa mese Feb 2014

Paola Tegner, nata nel 1966 a Cuneo, attualmente vive a Belluno. Fotografa autodidatta, con la passione della fotografia da quando ha memoria.
Ama sperimentare, soprattutto nell'ambito della fotografia artistica, di natura e paesaggio. La sua ricerca fotografica spazia dal digitale all'analogico, Lomografia e Polaroid.

IMG 4-105

 

IMG 4-106 IMG 105-133 IMG 109-030

 

vai alla Gallery

Read more...

Who is Elmo Tide?

L'unica cosa certa di Elmo Tide è  gestisce una pagina su Flickr e che ha aggiornato solo 2 volte: il 28 giu 2008 e poi il 31 lug 2010. L'anonimato gli offre l'occasione di gestire con occhio inquieto e voyeristico una America di bordelli, cowboys, wrestler. Gli scatti, bianco e nero molto contrastato, ci raccontano con ironia, sarcasmo e cruda realtà un'America di tristezza e nostalgia. Chi è Elmo Tide? Ma chi se ne frega!

 


 

Un viaggio attraverso terre lontane: Tibet e Mongolia

 

Hi Everybody! My name is Nicolas and I am a documentary and landscape photographer who, since 2006 has chosen a bicycle as means of transportation to travel and reach some very remote regions of this world. I have cycled 41.000 km (25.000mi) in Asia so far and due to the nature of traveling by bicycle I can relate very intimately to the people of the places I visit, as most of the time I can share quality time with them. So in this opportunity, allow me to take you for a ride along two places that truly touched my heart out of all the ones I have been to, Tibet and Mongolia.

by Nicolas Marino http://www.nicolasmarino.com/   http://nicolonelytraveler.blogspot.it/  

 Read all Article

[http://nikonrumors.com/2013/12/16/a-journey-across-remote-lands-tibet-and-mongolia-by-nicolas-marino.aspx/]

 

Modifiche alle foto?

Dopo aver visto le foto di Paul Hansen “Gaza Burial” che ha vinto l’edizione 2013 del WPP ci si chiede se sia corretto modificare la foto per la stampa. Modificare, se si e, come? Molti avevano storto il muso davanti ad apparenti rischiaramenti, forse con programmi come Capture NX, Lightroom. In effetti Hansen ha mostrato il Raw dell'immagine da cui appariva solo un ritocco al contrasto. C'è chi ha gridato allo scandalo, chi si è chiesto il dovere di un'imposizione da parte dei quotidiani e di regole per tutti per le immagini.
Non mi stupisco e non mi scandalizzo, certo è che un'immagine vale più di 1000 parole e qui fino adesso se ne sono dette troppe. Mi riferisco anche alle ultime polemiche sul progetto "the crescent rochester, usa 2012" di Paolo Pellegrin, sempre a proposito del World Press Photo Award che è ormai una fabbrica di polemiche. Polemiche costruttive o no? Secondo me no, proprio no!

Read more...

Tariffario Professionale

Tariffario Professionale fotografico di riferimentoTau Visual Associazione Nazionale Fotografi Professionisti  *  [scarica volume in pdf ]. Il volumetto, di circa 130 pagine, è in distribuzione gratuita da TAU VISUAL (per le modalità di ricevimento visitare la pagina ed eseguire la registrazione

http://www.fotografi.tv/tariffario/index.php

costituisce una utile guida per avere un'idea delle tariffe vigenti, o che dovrebbero vigere, nel settore della fotografia professionale. Pur senza dimenticare che i prezzi effettivi dipendono da numerosissime variabili legate alla realtà locale, al tipo di fotografo, di lavoro, di cliente, e così via, il tariffario di TAU VISUAL offre una chiave di lettura che è allo stesso tempo schematica (e quindi chiara) ed accurata. Si parte da un inquadramento del fotografo in un "livello", che può andare da 1 (il professionista "piccolo", operante a livello locale, senza specializzazioni e con un'attrezzatura ridotta) a 7 (Helmut Newton o equivalente), e poi si indicano delle tariffe di riferimento per ogni livello a seconda delle modalità di compenso determinate (a giornata, ad immagine, ecc.) e, soprattutto, del tipo di lavoro richiesto: fotografia matrimoniale, editoriale, pubblicitaria, o anche per Internet. Queste categorie di lavoro sono affrontate molto in dettaglio sia per quanto riguarda le tariffe di realizzazione delle immagini sia per quanto riguarda i diritti d'uso di tali immagini. Per esempio, in relazione alla pubblicazione di un'immagine su una rivista, viene suggerito quanto chiedere per la pubblicazione sulla copertina, indicando vari prezzi a seconda della diffusione e della periodicità della testata, così come vengono indicati i prezzi per la pubblicazione sulle pagine interne (foto interna, o a doppia pagina). O, riguardo ai diritti d'uso, vengono specificati i compensi da chiedere a seconda del tipo di diritto d'uso concesso, della durata di tale concessione, e così via. In definitiva un prontuario molto completo che in caso di incertezze costituisce un ottimo riferimento per un professionista che si trovi a dover svolgere un lavoro in un settore a lui relativamente nuovo e che abbia bisogno di un riferimento.

Subcategories