Main content

Cosplay - Cospladya

cospladya 2011 6 20140309 1151947702

Essere una fata, un mago o ancora un guerriero dello spazio. No, non è fantascienza o un sogno di bambino. Unico requisito fondamentale è volere diventare un personaggio della fantasia un Cosplay. Cosplay, termine inglese, infatti, significa interpretare personaggi dei fumetti assumendone pose, atteggiamenti e soprattutto travestendosi con abiti e accessori per essere più simili possibili all’originale.

ll fenomeno nato in Giappone negli anni 80’, si è oramai diffuso in tutta Europa.

Unico obbligo del cosplayer, è dovere costruire personalmente il costume, confezionando tutto il necessario per il proprio vestito nei minimi particolari e senza nulla di preconfezionato. Ma, il cosplayer non deve solo indossare il vestito del personaggio preferito, deve anche interpretarlo esibendosi in scene che ne riproducono il comportamento. Tutti possono diventare cosplayer, non c’è limite di età. Non è raro incontrare ai raduni di questi atipici personaggi dei fumetti, cosplayer accompagnati dai loro genitori o ragazzi “più avanti negli anni”, ma eterni Peter Pan. In Italia, questa passione è oramai seguita da centinaia di persone e sono sempre più numerosi i raduni. Palermo, dal 12 al 14 giugno scorso, ha ospitato per la prima volta in Sicilia, “Cospladya” un contest nazionale. La manifestazione che prende il nome dal titolo di un romanzo fantasy di Laura Taibi, si è svolta all’Ex Deposito delle Locomotive di Sant’Erasmo. Organizzata da Cosplay City e da Palermo in Cosplay , con il patrocinio del Comune di Palermo, ha ospitato anche una fiera dei Comics e dei Games. Tra tornei di giochi di ruolo dal vivo, sfilate di costumi, vampiri night, e allenamenti con spade medievali, tutti i partecipanti sono stati trasportati così nel mondo della fantasia. “ Palermo in Cosplay è già attiva da due anni nel panorama cittadino - spiega Luciano Nuccio, organizzatore della manifestazione – ed è composta da un gruppo di ragazzi la cui grande passione li ha portati alla realizzazione di questo sogno. Non ci aspettavamo, infatti, tutto questo successo. Il numero degli iscritti in questa manifestazione ha addirittura superato quello del Cartoomics 2008 di Milano”. Madrina della manifestazione e nella giuria del contest Giorgia Vecchini, che nel 2005, ha guadagnato a Nagoya in Giappone il titolo di miglior Cosplayer Mondiale. Tra gli organizzatori della manifestazione Aura Nuccio, vincitrice alla fiera di Milano Cartoomics dell’ambito premio di Regina del Cosplay 2008.

foto di G. Spatola - articolo R. Sichera